Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Per ottenere maggiori informazioni sui cookie e per controllarne l'abilitazione consulta la nostra Cookie Policy.
Proseguendo la navigazione acconsenti l'uso dei cookie.
ACCETTA E CHIUDI
Storia di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque Terre - Liguria - Italia
Storia di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque Terre - Liguria - Italia
Storia di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque Terre - Liguria - Italia
Storia di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque Terre - Liguria - Italia
Storia di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque Terre - Liguria - Italia
Storia di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque Terre - Liguria - Italia
Storia di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque TerreStoria di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque TerreStoria di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque TerreStoria di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque TerreStoria di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque TerreStoria di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque TerreStoria di un sogno, Hotel Porto Roca - Monterosso al Mare - Cinque Terre

Storia di un sogno

Il Signor Giacinto JACAZZI, milanese e creatore di moda, è arrivato casualmente a Monterosso e subito si è innamorato di questo piccolo paesino di pescatori, sito in una cornice di naturale bellezza. Incantato dalla vista di Punta Corone ha noleggiato un gozzo da pescatore per meglio individuare la zona che lo aveva colpito e dopo un'ora era già in contatto con i proprietari del terreno per concludere l'acquisto. All'inizio pensava di costruire una casa per se stesso e la sua famiglia, poi pensò che un posto così meraviglioso doveva essere goduto da tante persone. Ecco il suo sogno: avrebbe costruito un albergo. Anzi, un meraviglioso albergo.

I sogni sono belli ma non sempre facilmente realizzabili; infatti Monterosso (allora era il 1960) non aveva una strada carrozzabile di collegamento con gli altri paesi e bisognava portare con la ferrovia o via mare tutto ciò che necessitava per la costruzione. Si doveva poi raggiungere la scogliera e là, dove c'erano terrazzamenti di vigna, bisognava arrivarci con le attrezzature e creare una spianata, per la costruzione. I problemi erano veramente tanti, ma lui, sognatore ed esteta di nascita non si arrese.

Furono reclutati esperti operai locali per tracciare una strada (scolpita nella scogliera con mine e picconi) di accesso al terreno e per consentire ad un autista, particolarmente coraggioso, di procedere con una ruspa allo sbancamento della terra a strapiombo sulla scogliera. Due barche portavano le pietre della cava del Mesco, esperti scalpellini le tagliavano e le donne di Monterosso salivano in colonna con i cesti di sabbia sulla testa.

Ogni giorno c'erano problemi, frane, imprevisti, complicazioni, che significavano ritardi e tanto denaro da spendere in più, ma lui non si scoraggiava mai e, piano piano, l'albergo prendeva forma e, finalmente, nel 1963 il suo sogno era realizzato.

Ora che la costruzione era terminata, lui doveva arredarlo, qui tutto era più facile perché, per tutta la sua vita, aveva raccolto e collezionato bellissimi pezzi di antiquariato, acquistati con competenza e passione da vari antiquari della sua Milano, quando l'antiquariato vero era esclusività di pochi. In questa struttura moderna e confortevole, quindi, un cuore antico rese l'hotel particolarmente accogliente e caratteristico.

A questo punto mancava solo il nome. La scelta derivò dalla località costiera appena dietro Punta Corone, che i vecchi pescatori chiamavano Porto roca, ossia un porticciolo naturale di roccia alquanto suggestivo.

Oggi che il Signor Giacinto non è più con noi, rimane il suo ricordo in ogni cosa, in ogni arredo, in ogni particolare che lui ha voluto creare.

Il suo sogno è realizzato e fa sognare tante persone...